CONSERVAZIONE BENI CULTURALI ECCLESIASTICI

NORME AMMINISTRATIVE PER IL RESTAURO

Gli interventi volti alla salvaguardia, alla conservazione e alla valorizzazione di beni immobili e mobili di interesse, artistico, storico o culturale appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche sono soggetti tanto alla normativa canonica che a quella civile. Un bene, mobile e immobile, appartenente a enti e istituzioni ecclesiastiche è sottoposto, per legge, a tutela se la sua realizzazione risale a oltre 70 anni ed è opera di autore non più vivente.
La corretta procedura prevede che il parroco/legale rappresentante dell’ente ecclesiastico presenti istanza per ottenere l’AUTORIZZAZIONE CANONICA e l’AUTORIZZAZIONE CIVILE.

AUTORIZZAZIONE CANONICA

Per gli atti di straordinaria amministrazione per le persone giuridiche soggette all’Ordinario diocesano è prevista l’autorizzazione canonica. Sono atti di amministrazione straordinaria l’esecuzione di lavori di costruzione, ristrutturazione, restauro e risanamento conservativo, straordinaria manutenzione di qualunque valore nonché ogni atto relativo a beni immobili o mobili di interesse, artistico, storico o culturale.

– Modulo per autorizzazione canonica con copertura finanziaria _MR01 (formato doc  o  pdf);

– Modulo per autorizzazione canonica senza copertura finanziaria_MR02 (formato doc  o  pdf);

AUTORIZZAZIONE CIVILE

Lo Stato italiano esercita la tutela del patrimonio culturale di proprietà pubblica e privata ai sensi del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137; l’Intesa del 26 gennaio 2005 tra il Ministro per i Beni e le Attività Culturali e il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche dispone che sia il Vescovo diocesano, attraverso l’Ufficio dei Beni culturali diocesani, e non il singolo Parroco o Rettore di chiesa a inoltrare la richiesta di autorizzazione civile alla Soprintendenza.

Pertanto la consuetudine dei Parroci amministratori di rivolgersi direttamente alle Soprintendenze competenti in occasione di progetti di interventi di conservazione o di valorizzazione di beni culturali costituisce la mancata osservanza delle norme relative.

– Richiesta trasmissione progetto di restauro per autorizzazione civile beni mobili_MR03
(formato doc o pdf);

– Richiesta trasmissione progetto di restauro per autorizzazione civile beni immobili_MR04 (formato doc o pdf);