ESPOSIZIONE/ PRESTITO DI BENI CULTURALI ECCLESIASTICI PER MOSTRE

Deve essere presentata all’Uff. Beni Culturali – Edilizia di Culto richiesta per poter utilizzare o prestare, (a enti diversi dalla proprietà), beni culturali ecclesiastici per fini espositivi, rif. Modulo autorizzazione prestito per culto_mostra.

A seguito di riscontro positivo da parte dell’Ufficio Diocesano si deve procede con la richiesta dell’autorizzazione civile, in quanto il trasferimento, provvisorio o definitivo, di un bene sottoposto a tutela, ai sensi e per gli effetti del Codice Urbani, D.Lgs. 42/2004 rif. art. 10 c. 1, deve essere autorizzato da parte del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Le domande devono essere presentate all’Uff. Beni Culturali – Edilizia di Culto almeno 6 MESI PRIMA della data di inizio della mostra e devono essere corredate dal progetto della mostra, rif. Modulo richiesta prestito mostra.

SI CONSIGLIA DI:

  • verificare prima di ogni altra cosa lo stato del bene da esporre/prestare; nel caso in cui il bene si trovi in condizioni precarie per cui lo spostamento dello stesso ne aumenterebbe il degrado, si richiede che il bene sia sottoposto al corretto iter di un preventivo intervento di restauro;

  • verificare un valore assicurativo del bene adeguato con copia della polizza;

  • richiedere all’Ente promotore esterno una copia in scala 1:1 del dipinto chiesto in prestito per non privare la devozione religiosa dei fedeli durante l’assenza dell’opera;

  • incaricare un restauratore di fiducia per accompagnare l’opera dallo stacco al posizionamento in mostra e viceversa, a spese dell’Ente organizzatore.

Riferimenti normativi: Articolo_48_del_Codice_dei_BeniCulturali_e_del_Paesaggio